presentazione

"Il mio lavoro è fondamentalmente sperimentale, non ho una tecnica per rappresentare un pensiero o dei valori definitivi.
Io credo che il pensiero umano possa crescere attraverso esperienze estetiche inedite; e questo è un buon motivo per continuare la ricerca."


Architetto e artista di Limosano, Molise e fiorentino di adozione, ha attraversato la scena artistica degli anni ´80, spaziando tra architettura, arte e teatro, sempre in chiave puramente sperimentale. È stato fondatore dei gruppi "Il Marchingegno" e "Orient Express", con cui partecipò di quel felice momento del teatro sperimentale italiano.
Negli anni novanta, come direttore artistico della discoteca Manila, nella periferia di Firenze, animò la scena notturna, coinvolgendo artisti, musicisti, architetti, fashion designer, in installazioni e performance memorabili.
Docente di architettura e design per oltre 20 anni, in varie università italiane e straniere, è stato titolare della cattedra di Semiotica dell'architettura istituita da Gillo Dorfles e Umberto Eco, nella Università di Firenze. Nel campo architettonico ha sviluppato un'inedita teoria di “architettura sensoriale”, pubblicata nel libro “La città dei sensi”, ed. Alinea, 1997.
Dalla fine degli anni 90 si è concentrato sulla sua carriera artistica, sempre sul fronte sperimentale interdisciplinare (pittura, disegno, fotografia, video, installazione, suono). Ultimamente sta rileggendo i classici della pittura, attraverso una visione digitale tridimensionale, come un'archeologia del disegno.
Dal 2001 al 2007 ha vissuto a Bangkok.
Dal 2009 vive in Brasile, a San Paolo. Pergola ha fondato e diretto (2009-2015) la Galeria Belvedere a Paraty (Rio de Janeiro) e il Festival Internazionale di Arte Contemporanea di Paraty -Premio Belvedere (2010-2013), e organizzato 45 esposizioni, 10 residenze artistiche e più di 500 artisti coinvolti.
Nel 2019 è stato invitato dall'Istituto Italiano di Cultura di San Paolo ad aprire le celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, dove ha ricostruito la perduta “Battaglia di Anghiari” del grande genio rinascimentale. Sue opere sono nelle collezioni permanenti del Museo MUVIM di Valencia, del Museo Della Città di San Paolo, nel Memoriale del Popolo Indigeno di Brasilia, nell'Ambasciata d'Italia in Brasilia.

Cesare Pergola | Artista interdisciplinare
2020 ® Todos os Direitos Reservados